Cosa fare

Non solo Rimini!
Chi sceglie la Riviera Romagnola per trascorrere le proprie vacanze può optare tra un discreto numero di alternative. Storia, mare, divertimento, relax e panorami da favola, sono soltanto alcuni degli elementi che la Riviera ed il suo immediato entroterra offrono ai viaggiatori. Cosa aspettate per correre alla scoperta di uno dei territori più affascinanti e ricchi di divertimento di tutta la Penisola?

Compresi per tutti i clienti i servizi del villaggio MiramareJoy
Il programma del consorzio prevede attività di fitness, yoga e pilates, risveglio muscolare, aerobica e stretching, acquagym, tornei (carte, bocce, ping pong, beach volley), balli di gruppo e Zumba fitness, Tai Chi / Qi Gong, area BabyParking, MiniClub (laboratori, truccabimbi, Nutella party, sculture di palloncini e giochi), animazione serale sul lungomare di Miramare.

 

Aquafan
Impossibile non trascorrere almeno una giornata in una delle strutture più belle e divertenti della Riviera, che alle tantissime attrazioni unisce emozionanti spettacoli dedicati a grandi e piccini. La piscina con le onde, gli schiuma party, le attività più disparate ed adrenaliniche, inclusi i lanci dal kamikaze ed il feel climbing, e ancora, concerti dei più grandi DJ europei, affiancati da coreografie mozzafiato, sono soltanto alcune delle cose alle quali prendere parte.

 

Mirabilandia
A pochi chilometri da Ravenna sorge uno dei parchi divertimento più grandi d’Europa. Mirabilandia offre attrazioni dedicate a tutti ed emozioni che soltanto qui sarà possibile provare. Tra le cose da non perdere, la più grande ruota panoramica del continente, le rapide del Rio Bravo, il water coaster Divertical e l’iSpeed. Spettacoli a tema, punti ristoro e una discreta selezione di negozi presso cui tirare il fiato e dedicarsi allo shopping, completano l’offerta di un parco tra i più belli ed organizzati d’Italia.

 

Acquario Le Navi
Pronti ad osservare le meraviglie del più grande acquario dell’Adriatico? L’acquario di Cattolica, situato ad una manciata di chilometri da Riccione, ospita oltre 3000 specie ittiche provenienti da tutti i mari del mondo, tra cui pesci tropicali, 11 specie di piranha, le fantastiche razze della vasca tattile e ben 14 diverse specie di squali.

 

Terme di Rimini
Lo stabilimento termale che si affaccia sulla spiaggia di Miramare è stato il primo in Italia ad impiegare l’acqua marina per la cura di una vasta gamma di patologie. Alle vasche che fondono le proprietà delle acque termali e di quelle marine, si aggiungono idromassaggi, bagno turco, sauna e trattamenti estetici per il corpo e il viso. Il centro possiede anche una spiaggia privata presso cui prendere parte ai corsi di ginnastica acquatica.

 

San Marino
San Marino è un luogo nel quale il tempo sembra essersi fermato: un borgo meraviglioso, abbarbicato su un’altura a poca distanza dalla linea di costa, presso cui le atmosfere medievali, le splendide piazze, i vicoli e i panorami mozzafiato, sono in grado di conquistare chiunque. San Marino è visitabile in un solo giorno ed è necessario dedicare qualche ora al celebre Museo della Tortura, tra i più suggestivi al mondo. Da non perdere le torri cittadine, dall’alto delle quali osservare gli straordinari panorami della bassa Romagna.

 

San Leo
Ad una manciata di chilometri da Riccione sorge un altro borgo arroccato, forte di alcune peculiarità che ne fanno un luogo unico al mondo. Detta anche Montefeltro, la cittadina risulta accessibile soltanto mediante un’unica strada scavata nella roccia. Da non perdere il duomo, meraviglioso esempio di architettura romanica, ed il forte quattrocentesco, abbarbicato sullo sperone di roccia più elevato. Qui trovò la morte il Conte di Cagliostro dopo una lunga prigionia.

 

Montebello e la leggenda di Azzurrina
La rocca domina un paesaggio incantato ed offre una meravigliosa panoramica di tesori e misteri, tra cui quello di Azzurrina, figlia dei feudatari di Montebello. La bimba nacque albina e i genitori, per paura che qualcuno potesse vedere in lei qualcosa di inquietante e pericoloso, decisero di tingerle i capelli. Reagendo ai pigmenti, i capelli bianchi della fanciulla divennero azzurri e da qui il suo soprannome. La sfortunata scomparve nel nevaio del Castello il 21 giugno del 1375 e non venne mai più ritrovata: da allora si rincorrono storie e leggende circa un pianto che in molti giurano di aver sentito.

 

Gradara
Chi vuole evadere per un po’ dal clima festoso della riviera e assaporarne uno tipicamente medievale, deve visitare Gradara. Stupenda la sua Rocca Malatestiana, teatro della storia d’amore fra Paolo e Francesca cantata da Dante Alighieri, e imperdibile il Teatro dell’Aria, presso cui ammirare i falconieri alle prese con meravigliosi esemplari di uccelli rapaci.